Artigianato,  Fashion/Moda,  Handicraft

Conoscete il puncetto? La storia di Maria e di una tradizione artigianale italiana

di Annamaria V.
Puncetto: una passione!
Mi racconta la figlia Carla che un’estate sua mamma Maria e suo padre di Vigevano presero una casa in Valsesia. Lei era una abilissima ed espertissima ricamatrice: preparava parure per spose e confezionava camicie per uomo con cifre e doppio collo con grande perfezione.


Quando vide che le vicine di casa si mettevano sedute fuori davanti alle loro case e lavoravano al “puncetto” che non conosceva, si incuriosì, si interessò e chiese se lo insegnassero anche a lei.

Appena le vicine si accorsero di quanto fosse brava e svelta ad imparare furono disposte a condividere con lei i disegni tramandati di generazione in generazione e gelosamente custoditi.
Questa vera e propria arte crea un ricamo prezioso ed unico e richiede precisione e pazienza.

La signora Maria seppe inventare nuovi disegni e nuovi modi di utilizzo da bordi a presine, che amava regalare.
Fu per lei una grande emozione quando le figlie la condussero alla manifestazione “Vigevano più pre-natalizia” e la figlia Carla, la quale ha ereditato dalla madre due mani d’oro per il cucito e una grande estrosità nel confezionarsi abiti, le allestì, a sua insaputa, con tantissimi lavori da lei fatti, le sale decorate con affreschi e stucchi ed arredate con i mobili d’epoca a Palazzo Roncalli: centrini, bordi, merletti su divani e tavoli e un lenzuolo era adagiato sul pianoforte: una visione da restare senza fiato per la bellezza!e quanti complimenti!
A 80 anni a seguito di un’operazione agli occhi che le impediva di vedere da vicino perfettamente Maria dovette smettere di fare il puncetto, una passione che l’aveva accompagnata per tanti anni e per tante ore della sua vita. Le figlie la ricordano stare ore ed ore a lavorare e smettere solo per accudire la casa e la famiglia.

Grazie della condivisione di questo ricordo!

Storia del puncetto:
Il più antico documento esistente sul Puncetto Valsesiano è un atto notarile del 1685, un atto dotale, che per un grande fazzoletto bianco inserito nella dote, certifica essere ornato da “ponchietto”. Bisogna quindi presumere che a quell’epoca esso fosse già ampiamente radicato nella cultura artigianale tradizionale e la sua tecnica fosse già ben sviluppata e definita. 
Prova ne sono anche le testimonianze iconografiche del diciassettesimo secolo, come la statua della Madonna alla Cappella n° 4 del Sacro Monte di Varallo (patrimonio Unesco dal 2003, insieme agli altri Sacri Monti Piemontesi e Lombardi).
Manufatti con puncetto di antica produzione (inizio ‘800) giunti fino a noi, si trovano nella biancheria della casa, ma soprattutto nelle camicie e nei grembiuli delle donne che sono ancora oggi elemento dell’abito tradizionale. 
Per secoli la tecnica di realizzazione del “Puncetto Valsesiano” è stata tramandata solo verbalmente e molto gelosamente, in ambiti parentali o di piccole comunità, al punto di assumere valore identitario, elemento distintivo di stato civile, immancabile ornamento sia negli abiti festivi  che in quelli da lavoro.” (dal sito artsandculture.google.com)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *