Companies / Aziende,  Environment/Ambiente,  Fashion/Moda

Incenerimento delle scorte e spreco di vestiti nell’industria della moda: intervista ad Ariele Elia

Puoi ascoltare qui l’articolo: Incenerimento vestiti

L’attuale produzione di massa di abbigliamento e il modello di business imperfetto con cui operano i marchi di moda, dai piccoli ai grandi, stanno creando un’enorme quantità di stock in eccesso. Non è venduta sul mercato ma segretamente bruciata negli inceneritori di tutto il mondo. Con il risultato di sprecare migliaia di tonnellate di vestiti perfettamente buoni. Non ci credi? In un articolo precedente abbiamo parlato di quanto sia pervasiva e non etica questa pratica segreta e di come i marchi stiano cercando di nasconderla. Abbiamo focalizzato la nostra attenzione sulle conseguenze che ha l’incenerimento di tonnellate e tonnellate di capi di abbigliamento invenduti sull’intera filiera, sulle questioni etiche che pone e sull’impronta ecologica catastrofica che crea.

Noi di Dress Ecode abbiamo deciso di approfondire questa pratica e abbiamo incontrato Ariele Elia, vicedirettore del Fashion Law Institute di Fordham Law e autrice di Fashion’s Destruction of Unsold Goods: Responsible Solutions for an Environmentally Conscious Future (link alla ricerca), per saperne di più ed evidenziare le possibili soluzioni multidisciplinari che potrebbero essere implementate per ridurla e, si spera, eliminarla una volta per tutte.

Ciao Ariele, innanzitutto, come sei venuta a conoscenza di questo problema?

“Tutto è iniziato quando ero una studentessa del programma di diritto della moda alla Fordham Law. Nel nostro corso di etica, sostenibilità e sviluppo, all’inizio di una delle nostre lezioni, il nostro professore ha mostrato un articolo su H&M che bruciava gli articoli invenduti. E io, molto ignorante, ho alzato la mano per dire: ‘Certo che lo fanno, non mi sorprende affatto’. Mi ha incoraggiato a scavare più a fondo e a trovare una soluzione che potesse effettivamente portare la mia argomentazione molto oltre, senza essere una persona che si lamenta solo. Mi ha motivata quindi a cercare di porre una soluzione e capire. Così è finito per essere l’argomento della chiave di volta nel mio ultimo anno. Quello che mi ha veramente colpito è che il mio professore, esperto di etica e sostenibilità, ha detto che, in fondo, le persone non vogliono necessariamente fare qualcosa di sbagliato. Quindi devi capire cosa ci sia di sbagliato nella loro struttura aziendale e le pressioni che li stanno spingendo ad adottare questa pratica.
È un problema molto complesso, ho notato questo; non è in bianco e nero, non è chiaro, e non è solo questione di proprietà intellettuale o produzione eccessiva, ma si inserisce in così tanti problemi diversi e penso che le soluzioni per questo non saranno in bianco e nero, e cambieranno da paese a paese.
A cominciare dal modo in cui le persone vedono la moda in Francia, che è molto diverso da com’è in Italia o soprattutto negli Stati Uniti rispetto al processo di progettazione, per esempio rispetto alle vendite. In Francia ci sono festività designate e autorizzate in cui puoi avere svendite, negli Stati Uniti ogni giorno è una svendita, che è un altro grosso problema”.

Quali sono stati i fatti principali che hanno attirato la tua attenzione durante la ricerca?

“Probabilmente quanto fosse diffuso il fenomeno. Penso che la gente creda che sia un problema di H&M ma in realtà non lo è, è un problema di un marchio di lusso, è un problema di Nike, e penso che per la maggior parte siano solo pratiche commerciali tradizionali che sono andate avanti da sempre. Se hai un campione e non va in produzione, beh… non vuoi che qualcuno prenda quel campione dalla spazzatura e poi lo venda, quindi lo distruggerai. Penso che prima la sostenibilità non fosse una grande preoccupazione, ma ora l’industria è cresciuta così tanto. Credo che sia interessante notare che il mercato si sia evoluto ma le pratiche di sostenibilità non si sono evolute.

Per me ciò che è scioccante è guardare Burberry e rendersi quindi conto che con la Brexit e la pandemia, all’improvviso, con la fluttuazione della valuta, non molti consumatori cinesi andranno nel Regno Unito. Dato che il più grande cliente di Burberry è la Cina, se non comprano, all’improvviso si trovano tonnellate di trench. Questo penso sia qualcosa che non credo nessuno si aspettasse come conseguenza della Brexit. Ora hanno a che fare con molte questioni tariffarie; è uscito un articolo di recente in cui si ragionava sul fatto che se tu fossi un’azienda con sede a Londra e qualcuno acquistasse un articolo sul sito e-commerce non adatto rispedendolo indietro, le tariffe e le tasse per riportarlo a Londra per l’azienda sarebbero in realtà superiori ai costi per ritirarlo e bruciarlo”.

Dove pensi che ricada la responsabilità? Come hai scritto anche nel tuo articolo, deve esserci un ripensamento dal designer alla catena di fornitura e alla produzione per creare un modello che si adatti anche alla domanda e all’offerta in modo migliore e con migliori previsioni. Penso che ogni azienda stia cercando di ottenere obiettivi migliori e una quota di mercato più ampia aumentando la domanda. Quindi, sì, ci deve essere responsabilità lì, ma penso che a volte sia una conversazione un po’ utopica perché alla fine della giornata queste persone vengono pagate per produrre e creare di più.

“Quando ho avviato la mia ricerca e ho scritto il documento, i miei processi mentali sono cambiati un po’ e penso che molte altre persone inizialmente ritenessero che sarebbe stato fantastico consultarsi con i marchi di moda e trovare un modo per ridurre i loro sprechi. Ma riguardo tutti i brand che non sono sostenibili e che non hanno intenzione di esserlo, sono quelli a cui penso dobbiamo guardare. Qual è la soluzione per questi? E mentre mi piace pensare che molti brand ci arriveranno o faranno qualcosa, non penso sarà sufficiente e non sarà abbastanza veloce. Credo quindi che la legislazione sia necessaria insieme alla formazione e all’implementazione… Ad esempio, ci sono leggi a New York in questo momento in cui se il 10% dei tuoi rifiuti è tessile, allora deve essere riciclato. Bene, non c’è applicazione. L’infrastruttura necessaria per questo tipo di implementazione non è presente, quindi è una specie di legge che non viene applicata. Penso che anche in presenza di una legislazione dovrebbe esserci integrazione, ma anche formazione. Perché se all’improvviso crei molte tasse, allora questi marchi di moda non investiranno per cercare di trovare una soluzione. Saranno solo infastiditi e troveranno una scappatoia che funziona raggirando.

Corso moda sostenibile[…] Se potessimo dire ‘Vorremmo coinvolgere un consulente sulla sostenibilità, vediamo qual è il tuo processo di progettazione’. Quando lavoravo con gli studenti di fashion design al FIT (Fashion Institute of Technology), promuovevo il design 3D, perché così lavorando con i produttori non è necessario creare campioni fisici ma possono essere prima realizzati digitalmente. Questo diminuisce gli sprechi e riduce anche l’impronta ecologica. Successivamente nella fase finale si procede con un adattamento fisico. Così almeno all’inizio si riducono gli sprechi.

Se guardiamo alle scorte in eccesso, ad esempio, cosa ne facciamo? Penso che sia più difficile per un marchio di lusso, perché ovviamente non puoi donarle e darle via. Se disponesse di artigiani per ridisegnare tutti questi oggetti in più e convertire una borsa in qualcos’altro, penso sarebbe una bella soluzione. Ma deve essere accompagnato da un vantaggio economico, penso sia il motivo principale per cui i marchi non si occupino di questo, perché comporta molti costi aggiuntivi. Dobbiamo trovare un modo per ottenere vantaggi economici, ma per farlo sarà davvero difficile implementarli su larga scala.

Dobbiamo capire quanti sprechi ci sono all’interno dei marchi di moda tradizionali quando producono, identificarli e quindi individuare cosa possiamo eliminare, come possiamo ridurli. E abbiamo bisogno di alcuni scienziati aziendali e di dati per mostrare quanto risparmierebbero. Se potesse esserci un caso di studio con un marchio di moda, penso che molte più persone direbbero: “Eccellente, lo provo anch’io!”.

Quale potrebbe essere  secondo te la soluzione dal punto di vista del consumatore?

“Penso che sia ancora molto confuso per il consumatore cosa sia esattamente ‘sostenibile’. Quale aspetto sia, perché adesso è un termine così confuso. È il packaging sostenibile? Le persone che creano il prodotto? Lo è il tessuto? Penso che per il consumatore sia importante informarsi, perché i consumatori sono quelli che costringeranno i marchi a essere più sostenibili.

Ci sono alcune altre azioni responsabili. Primo, smetti di comprare tanto! Se vuoi essere più sostenibile per quanto riguarda la moda, smetti di comprare tanto e considera davvero cosa stai acquistando. Ne hai bisogno? È un impulso emotivo? Ti sta bene? Smetti di comprare cose che pensi ti staranno bene tra cinque anni, probabilmente non sarà così. Elizabeth Klein ha indicato alcune linee guida meravigliose su come acquistare e come guardare le cose nel tuo armadio. Fai un inventario. Hai tutto nero? Nota, se compri tutto nero, magari non comprare nulla di colorato. Indossi camicie fantasia abbottonate? In tal caso, non indossare qualcosa in tinta unita. E non pensare che, poiché lo stai donando, stai facendo qualcosa di buono. Sono tanti gli studiosi che hanno affermato che nei paesi in via di sviluppo, soprattutto in Africa e in India, non servono più vestiti. Ne hanno come per vestire bis bis bis nipoti. Le persone non si rendono conto che queste donazioni stanno danneggiando le nazioni in via di sviluppo, perché ora hai designer incredibili, ma loro non possono svilupparsi perché nessuno comprerà i loro articoli”.

In termini di soluzioni alternative, nel tuo articolo hai menzionato l’Intelligenza Artificiale. Potresti approfondire questo argomento?

“Uno degli aspetti della moda è che è così imprevedibile. Chi sapeva che ci sarebbe stata una pandemia e le persone avrebbero smesso di comprare abiti e cose del genere? Ma dove è prevedibile è Instagram. Stavo monitorando proprio una conversazione con il CEO di Modern Mirror, la cui azienda esegue una scansione 3D del tuo corpo e ti mostra i marchi che si adattano a te in modo da poter ridurre i resi. Può anche diminuire ciò che le persone acquistano. Con tutti quei dati è di supporto ai marchi. Penso sarà di grande aiuto mostrando effettivamente cosa abbiamo o non abbiamo bisogno di produrre. Credo ci sia spazio per tracciare una linea che unisca il fisico e il digitale.

Moda sostenibileDirei che la cosa più importante da trarre da tutte le mie ricerche nel corso degli anni sia che la relazione tra tecnologia e moda deve essere senza soluzione di continuità. Anche se sei un fashionista, non vuoi conoscere gli algoritmi, e vuoi solo che le cose funzionino”.

Quanto è diffusa la pratica di bruciare indumenti invenduti?

“Direi che è difficile, perché è un po’ come scoprire il fenomeno delle contraffazioni. È questo strano mercato nero di cui nessun marchio di moda vuole parlare, nessuno vuole essere accusato, quindi è difficile trovare effettivamente i dati di chi lo sta facendo, perché lo sta facendo. Ecco perché ho la sensazione che sia difficile trovare la soluzione. Deve essere fatto quasi segretamente. Ad esempio, questo è un problema, ecco la tua soluzione. Nessun nome, implementa solo la soluzione. Penso che sarà molto difficile parlare con un marchio di lusso e farlo vergognare pubblicamente, perché ci saranno meno probabilità di implementarlo effettivamente, perché è una questione di ego, di reputazione. C’è una linea molto sottile tra la legislazione e l’implementazione del non intimidire quei marchi ma dire invece ‘Vogliamo aiutare e mostrare i vantaggi economici collegati, oltre a salvare l’ambiente’. Penso che debba esserci un equilibrio molto delicato tra l’attuazione della legge e il suo rispetto.

È importante anche la cooperazione tra i paesi, perché ovviamente penso che molti brand, soprattutto quelli grandi e fast fashion, non sappiano nemmeno esattamente da dove provenga tutta la loro catena di fornitura.
Vogliamo catene di approvvigionamento trasparenti. È una di quelle cose che tutti vogliamo, ma non credo che riusciremo mai a raggiungerla, a essere onesti. Credo che possiamo andarci vicino, ma prima deve essere coinvolto il consumatore che paga effettivamente per quello che dovrebbero essere gli indumenti.

Gran parte della produzione che pensi avvenga in una fabbrica in Cina è in realtà prodotta da una terza parte di una terza parte di una terza parte, e quindi è lì che in realtà non possiamo monitorarla completamente. Penso che attraverso l’informazione e attraverso la blockchain forse le persone possono capire la catena di approvvigionamento […] ma la maggior parte delle persone non vuole nemmeno pensarci, o non lo sa”.

Quale potrebbe essere una soluzione per trovare fondi sufficienti per affrontare questo problema?

“Quello che penso sarebbe incredibile è se Amazon iniziasse, ancora una volta, a immergersi nel mercato della moda, visto che desiderano disperatamente essere un impero del fashion. Non penso che canalizzeranno nei marchi di lusso, ma se guardiamo a dove può aiutare Amazon è nella logistica e nelle infrastrutture. Quindi, se volessero prendere i loro soldi in eccesso e trovare un modo per offrire programmi di restituzione degli articoli, potrebbero aiutare l’industria della moda ad automatizzare, ad esempio, la rimozione dei bottoni o la rottura delle fibre. Se possono fare cose del genere e supportare i brand con l’aspetto logistico sarebbe eccellente, un’ottima soluzione. Potrebbero diventare sostenibili perché sanno ‘fare’, ma non sanno ‘come rendere qualcosa di attraente e commerciabile’, che è ciò che fanno i marchi di lusso. Se prendessero i loro dati, la loro logistica e spedizione e collaborassero con i brand di moda a un livello sostenibile, questa potrebbe essere una soluzione forte”.

Riccardo Zazzini

Foto: Nick de Partee; Duy Hoang; Marcus Loke; The Creative Exchange; Ryoji Hayasaka; Caleb Lucas.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

tredici − sette =