Companies / Aziende,  Fabrics/Tessuti,  Fashion/Moda,  Non categorizzato

Biodesign: il possibile futuro della moda

Siamo spinti a riconsiderare cosa mangiamo, come viaggiamo e cosa compriamo per ridurre il nostro impatto ambientale collettivo, che viene spesso commercializzato con il termine “sostenibilità”.

Ma la sostenibilità non dovrebbe essere fondamentalmente incorporata nel modo in cui le cose sono progettate e realizzate, se vogliamo ridurre drasticamente l’impatto climatico sulla scala necessaria per fermare il cambiamento climatico?

Qual è un modo ecologico per creare case, vestiti, automobili e cibo? Seguire il modello della natura e incorporare sistemi biologici nella creazione di oggetti, secondo una crescente comunità di designer e scienziati. Così si contribuirà a garantire che siano prodotti simbiotici con il nostro pianeta, piuttosto che parassiti o inquinanti.

Cos’è il biodesign nell’industria del fashion e come questa tendenza della moda sostenibile apre la strada a una nuova rivoluzione industriale?

Mylo
Il biodesign nella moda

Il biodesign è l’utilizzo di organismi viventi come batteri, alghe, lieviti e funghi nel design. Le sue procedure consentono di realizzare abiti, tessuti, mobili ed elementi architettonici. L’integrazione dei principi del biodesign nella ricerca e nello sviluppo del prodotto sta diventando sempre più comune nelle università, negli studi di progettazione e nelle organizzazioni senza scopo di lucro in tutto il mondo.

Gli sviluppi recenti includono:

  • Seta di ragno e pelle da collagene creati da cellule di lievito ingegnerizzate
  • Produzione di pelle e sedie dal micelio, un tipo di fungo
  • Un sostituto della pelle ricavata dai fondi di caffè e dai gusci di scarto dei frutti di mare
  • Un nuovo filo fatto di fuco e alghe
  • Vetro realizzato con conchiglie di una specie di cozze del lago Michigan
Perché il biodesign è importante e come si intrecciano moda e sostenibilità?

L’industria della moda ha un’impronta di carbonio significativa. Il 10% di tutte le emissioni di carbonio nel mondo sono attribuibili a questo settore, più di quelle prodotte da tutti i voli internazionali e le spedizioni marittime.

Mylo

Inoltre, la tintura dei tessuti rappresenta il 20% di tutte le acque reflue globali (fonte World Resources Institute) e il tessile riempie di 200.000-500.000 tonnellate di microplastiche all’anno i nostri oceani (fonte European Environment Agency).

Come puoi vedere, la moda sostenibile è essenziale perché un pianeta agonizzante non riesce a soddisfare la domanda. Le generazioni più giovani sanno che l’intreccio tra moda e sostenibilità è fondamentale per riciclare, riutilizzare e ridurre gli sprechi di moda. Chiedono abbigliamento ecologico come i modelli biologici e sono disposti a pagare di più per beni prodotti in modo etico e sostenibile. I Millenial sono alla ricerca di abbigliamento resistente. E se le aziende fanno seri sforzi ecologici sono disposti a pagare di più.

Come i designer integrano moda e sostenibilità attraverso il biodesign

L’industria della moda mostra sempre più interesse in valide innovazioni bio-progettate. Tappetini da yoga a base di funghi e scarpe da ginnastica a base di canna da zucchero sono tra gli articoli commercializzati come carbon positive, biologici o vegani, e questa tendenza si estende a tutto, dai costumi da bagno agli abiti da sposa.

Immagina di poter coltivare i tuoi vestiti usando tè fermentato, batteri, lieviti e altri microrganismi che possono trasformare gli ingredienti in fibre ecologiche. Proprio per questo la biocouture è stata inventata dalla stilista Suzanne Lee. Lee ha utilizzato batteri in una vasca piena di liquido per creare cellulosa batterica. Un utile composto organico chiamato cellulosa si trova in materiali come legno e cotone, ma questi sono meno resistenti delle loro controparti batteriche.

Ci sono anche altri marchi di biodesign e casi di successo che stanno ridisegnando il mercato. Ad esempio Mylo, a base di micelio, è una raccolta di ife di funghi che si ramificano e assomigliano a fili. Mylo è un sostituto sostenibile della pelle perché è elastica, morbida e meno dannosa per l’ambiente. I migliori scienziati e ingegneri hanno reso possibile il nuovo materiale.

La designer Roya Aghighi ha creato il progetto Biogarmentry in collaborazione con l’Università della British Columbia. L’obiettivo del progetto è creare un tessuto biodegradabile e capace di fotosintesi. Un tessuto 100% naturale e biodegradabile che purifica l’aria è il primo esempio di questo concept.

Biogarmentry

Jen Keane adotta un approccio alla progettazione dei materiali basato sugli organismi, fondendo la moderna pratica tessile industriale con i futuri principi della biotecnologia, in cui i microrganismi potrebbero aiutarci a sostituire i materiali sintetici. Manipolando il processo di crescita del batterio k. rhaeticus, ha sviluppato una nuova forma di “tessitura microbica”, ottimizzando le proprietà naturali della cellulosa batterica per tessere una nuova categoria di materiali ibridi resistenti e leggeri.

This is grown – Jen Keane

Moda e scienza si incontrano nella creazione dei vestiti.  Il biodesign è il futuro dell’industria, dove stilisti e scienziati collaboreranno sempre di più. L’innovazione deve continuare a essere al massimo livello per ridurre l’impatto negativo sull’ambiente; quindi, la moda sostenibile non può essere un trend passeggero. Con l’enfasi sul fatto che moda e sostenibilità vanno di pari passo per tenere sotto controllo l’impatto ambientale dell’industria della moda, i designer più all’avanguardia stanno spostando sempre più la loro attenzione verso il biodesign.

Se vuoi approfondire e introdurre i nuovi materiali nel tuo progetto, possiamo aiutarti. Ricerchiamo e monitoriamo nuove soluzioni nel mondo per introdurle nella creazione di una moda più sostenibile. Scrivici > dress_ecode@icloud.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

cinque × uno =