• Dress ECOde's lifestyle,  Events,  Fashion/Moda,  Responsible life / Stile di vita resp.,  Vintage/Second-hand,  Vita da Dress ECOde

    Eco Swap Party: le foto e il racconto del party green per salvare l’ambiente e rinnovare il proprio armadio

    Italiano/English below pictures Lodovica Cattani e M. Giulia Gaudenzi, insieme a Dress Ecode, hanno organizzato l’Eco Swap Party al Caffè Letterario di Roma per sensibilizzare sull’impatto dei nostri vestiti sui cambiamenti climatici. L’evento è stato realizzato in partnership con The Climate Reality Project -Team Europe, di cui con Lodovica facciamo parte. Ci siamo lasciati subito coinvolgere dall’entusiasmo di queste due ragazze piene di desiderio di fare qualcosa di concreto (e divertente) per fermare gli effetti della fast fashion sull’ambiente! Lo swap party funziona incontrandosi per scambiare vestiti che teniamo inutilizzati nell’armadio. Lo spirito é quello di donare ciò che è lì fermo e che rischia di essere buttato, mentre può…

  • Companies / Aziende,  Dove acquistare,  Fabrics/Tessuti,  Fashion/Moda

    Fortunale, la maglieria tinta naturalmente e l’impegno nel recupero delle lane autoctone

    Italiano/English below Ci ha incuriosito il progetto di maglieria Fortunale che propone capi di lana biologica prevalentemente locale, impegnandosi nel rilancio della lana pugliese, e tinti solo in modo naturale. Il nome deriva da una perturbazione atmosferica di eccezionale intensità, caratterizzata da venti fortissimi, e con la stessa intensità questo brand desidera cambiare il sistema della moda proponendo un prodotto tutto naturale. Nessuna sostanza chimica, per poter essere un giorno eventualmente riutilizzato, così come la sua etichetta, mentre il packaging e il cartellino senza plastica si trasformano per non essere gettati. Chiediamo quindi a Francesca Gresia, che cura la comunicazione del progetto, di saperne di più, ponendo alcune domande al…

  • Dove acquistare,  Fashion/Moda,  Vintage/Second-hand

    Cocò vintage e second-hand: l’amore per la ricerca di oggetti e capi di qualità che così continuano a essere utilizzati

    Italiano/English below pictures A Bollate, comodissimo se arrivate con il treno da Milano, c’è un negozio consigliato a chi ama il vintage. Con Sara Freddo, un’amica che mi fa conoscere questo posto, ci divertiamo moltissimo a provare abiti di ogni epoca e ad ascoltare Concetto Serranò, il proprietario, che ci parla della sua attività.“È nato come negozio second-hand, ma la mia passione è sempre stato il vintage. Così quando qualche anno fa si è liberato lo spazio affianco e ho avuto il posto necessario, ho potuto realizzare l’abbinamento con il vintage. Piano piano sono arrivate anche le fiere, i mercatini come East Market e altri eventi per raggiungere il più…

  • Companies / Aziende,  Dove acquistare,  Fabrics/Tessuti,  Fashion/Moda

    Una storia tutta italiana – Incontriamo Maeko per scoprire i tessuti sostenibili e il loro ambizioso progetto

    Italiano/English below pictures Incontro Cinzia (Vismara) negli uffici di Maeko a Milano, sede della vulcanica attività di questa azienda tessile tutta italiana. Resto subito travolta dall’energia e dall’entusiasmo che lei e il marito Mauro (Vismara) pongono in questo progetto in cui credono molto, a costo di andare contro tendenza nell’attuale contesto industriale. Maeko produce dal 1998 tessuti naturali di alta qualità a filiera controllata, impegnandosi  nello sviluppo di un’economia sostenibile rispettosa dell’ambiente e dell’individuo. Etro, Vivienne Westwood, Ferragamo sono alcuni dei marchi che utilizzano i tessuti di Maeko per le loro creazioni. Canapa, ortica, soia, crabyon, bambù, lino, cotone biologico, seta tousac, filato di latte, lana di yak, lane di pecora,…

  • Dove acquistare,  Fashion/Moda,  Vintage/Second-hand

    I trend dell’autunno/inverno 2019-2020 da scoprire in versione sostenibile!

    Italiano/English below pictures Vogue annuncia i 17 trend per l’autunno/inverno 2019-2020 e noi desideriamo dare buone notizie agli amanti della moda sostenibile. Molte proposte, in particolare le due principali tendenze a contrasto, lo stile borghese da una parte e il punk dall’altra, hanno radici nel passato: potremo attingere da armadi di genitori, zii e nonni o dai mille negozi fisici e on line di vintage. Protagonisti sono ancora gli anni ’80 e fine anni ’70. Con borchie, linee squadrate, look androgini e richiami allo spirito punk. Ma anche con spalline, squadrate e voluminose, pied de poule e colori neon.  E ancora, con lo stile borghese che propone silhouette raffinate, gonne…

  • Circular economy,  Companies / Aziende,  Dove acquistare,  Fashion/Moda,  Recycling/Riciclo

    All Star in materiali riciclati grazie a “Renew”, il progetto sostenibile di Converse

    Italiano/English below Converse propone i modelli Chuck Taylor e Chuck 70 delle famose sneakers All Star in materiali recuperati da scarti di post-consumo e di post-produzione: PET, jeans e cotone riciclati per dare vita alla linea “Renew”. “La stessa sensazione e aspetto della tradizionale tela Converse, tranne per il fatto che ora è realizzata al 100% in poliestere riciclato proveniente da bottiglie di plastica usate”, così le presenta Converse, o da jeans recuperati dalle discariche o ancora da rifiuti tessili di cotone scartati nei processi di produzione. English – All Star made of recycled materials thanks to “Renew”, the sustainable project of Converse Converse is proposing the Chuck Taylor and…

  • Companies / Aziende,  Fashion/Moda

    Grazie a Virgo con lo smartphone potremo conoscere tutta la storia di vestiti e accessori che acquistiamo

    Italiano/English below Con il nostro smartphone, attraverso un QR code, potremo presto verificare l’autenticità e le proprietà di un capo di abbigliamento o di un accessorio di lusso, conoscerne la materia prima utilizzata, per esempio da dove arriva il filato, se è stato chimicamente trattato, se di origine animale da quale allevamento proviene e come sono trattati gli animali, potremo sapere chi lo ha prodotto e in generale avere informazioni sull’impatto ambientale e sociale. Luxochain, PricewaterhouseCoopers, Temera e Var Group hanno unito le proprie conoscenze per creare uno strumento integrato, Virgo, che vuole tracciare e raccontare la storia dei prodotti fashion e certificare l’autenticità dei beni di lusso dall’acquisto delle…

  • Companies / Aziende,  Fashion/Moda,  Modern slavery / Schiavitù moderna

    I marchi di abbigliamento complici della più grande repressione dei lavoratori nel settore in Bangladesh

    Italiano/English below Il tuo marchio di abbigliamento preferito è complice della repressione? In Bangladesh il nuovo salario minimo entrato in vigore lo scorso dicembre, è di 8.000 Taka (meno di 85 euro) al mese per i lavoratori dell’abbigliamento. Sebbene il salario minimo sia stato effettivamente raddoppiato, è ancora solo la metà di quanto chiesto dai sindacati – e tutt’altro che uno stipendio per vivere. Uno studio condotto da CPD (Center for Policy Dialogue) ha rilevato che il costo della vita complessivo per i lavoratori dell’abbigliamento è aumentato dell’86% tra il 2013 e il 2018. I costi alimentari sono in aumento del 57% e ogni volta che sale il salario minimo cresce il costo…

  • Companies / Aziende,  Dove acquistare,  Environment/Ambiente,  Fashion/Moda

    Fino a dove una grande azienda può arrivare per proteggere il pianeta? Una bellissima intervista a Yvon Chouinard, fondatore di Patagonia

    Italiano/English below Patagonia è un marchio veramente impegnato nel cambiare le regole, sfuggite di mano, dell’industria dell’abbigliamento verso obiettivi di sostenibilità ambientale. In più occasioni hanno mostrato di non perseguire una mera finalità di green washing, ma di credere seriamente nella possibilità di cambiare (in meglio) le cose. Jeff Beer di Fast Company intervista il fondatore Yvon Chouinard (link), che a 81 anni si impegna più che mai nel mostrare, con l’esempio di Patagonia, fino a dove un’azienda può arrivare per proteggere il pianeta. Circa 8 mesi fa ha stabilito una nuova missione per l’azienda: “Patagonia è al lavoro per salvare il nostro pianeta natale”. Chouinard e la sua Patagonia da…

  • Dove acquistare,  Fashion/Moda,  Responsible life / Stile di vita resp.

    Acquistare negli outlet é una scelta sostenibile?

    Italiano/English below È capitato di sentire dire: “L’ho comprato all’outlet, non in negozio! Perciò è più sostenibile!”. Abbiamo voluto quindi ragionare su questo canale di acquisto: è una modalità più responsabile? “Con il termine ‘outlet’ si vuole indicare l’aggregazione, in uno stesso edificio o su una stessa area gestiti in modo unitario da un unico soggetto, di più punti vendita monomarca (Factory Outlet Store), prevalentemente dei settori dell’abbigliamento e delle calzature, e comunque del settore non alimentare, che commercializzano i propri prodotti a prezzi ribassati rispetto a quelli che vengono venduti mediante la rete del commercio tradizionale, in quanto si tratta di prodotti appartenenti alle collezioni degli anni precedenti rimaste…