Companies / Aziende,  Dove acquistare,  Fashion/Moda,  Modern slavery / Schiavitù moderna

Uniqlo and Jack Wolfskin do not pay what owned to Indonesian workers in garment factories

Italiano/English below

Accogliamo l’appello di International Labor Rights Forum a sostenere i lavoratori indonesiani nelle fabbriche di abbigliamento.

Da quattro anni 4.000 persone che hanno lavorato a Jaba Garmindo in Indonesia hanno combattuto per i $10,8 milioni che sono dovuti in termini di indennità e salari non pagati dopo la chiusura di due fabbriche di abbigliamento.

I lavoratori cucivano abiti per i principali marchi internazionali tra cui Uniqlo, uno dei più grandi rivenditori al mondo di moda, e Jack Wolfskin, una compagnia tedesca controllata dall’hedge fund Blackstone Group al momento in cui gli operai erano rimasti in sospeso. Nonostante le pressioni esercitate dai lavoratori indonesiani e la campagna di Clean Clothes Campaign, Uniqlo e Jack Wolfskin si sono rifiutati di pagare la liquidazione dovuta ai lavoratori.

Come più grande gruppo di investimento alternativo al mondo, Blackstone potrebbe pagare la liquidazione con solo lo 0,7% del suo reddito netto annuale. Per il CEO Stephen Schwarzman, sarebbe una cifra irrisoria da pagare. Per i lavoratori che hanno perso il lavoro, ricevere i fondi a loro spettanti secondo la legge indonesiana è importante per aiutarli a mantenere loro e le loro famiglie fuori dalla terribile povertà.

Due azioni che possiamo compiere per aiutarli:

  1. Lanciare un appello a Stephen Schwarzman e Blackstone perché paghino Clicca qui
  2. Lasciare una review sulla pagina facebook di Uniqlo Danimarca prima dell’apertura dello store del 5 aprile. Sotto “Raccomandi Uniqlo.denmark?”, seleziona “No” e poi lascia il tuo messaggio sulla falsariga di: “Insisto affinché Uniqlo paghi gli stipendi in sospeso e la liquidazione legalmente dovuti ai lavoratori della Jaba Garmindo in Indonesia. Questi lavoratori hanno guadagnato questo denaro per molti anni di duro lavoro e lunghe ore di produzione di abiti per Uniqlo. Negare loro il loro pagamento ora equivale a dichiarare il furto. Uniqlo dovrebbe pagare immediatamente questo debito! #PayUpUniqlo”. Aggiornamento: il post è stato tolto, le persone protestano direttamente sulla pagina, a breve vi faremo sapere come agire Uniqlo Denmark

Il mancato pagamento della liquidazione è un problema critico per i lavoratori dell’industria globale dell’abbigliamento ed è particolarmente diffuso in Indonesia. Anche i lavoratori che producono per Nike, Adidas e Mizuno si sono ritrovati senza il TFR garantito dalla legge. Anche se i proprietari delle fabbriche sono tenuti a seguire la legge nazionale in materia di separazione, le fabbriche non riescono a mettere da parte i fondi per soddisfare i loro obblighi, e gli auditor di marca raramente verificano se lo stanno facendo.

Abbiamo la possibilità di fare qualcosa per chi produce i nostri abiti e ha subito ingiustizie!


English: Uniqlo and Jack Wolfskin do not pay what owned to Indonesian workers in garment factories

We accept the invitation from International Labor Rights Forum: For the past four years, the 4,000 people who worked at Jaba Garmindo in Indonesia have been fighting for the $10.8 million they are owed in severance and unpaid wages following the closure of two garment factories.

The workers sewed clothing for major international brands including Uniqlo, one of the world’s largest fashion retailers, and Jack Wolfskin, a German company that was controlled by the hedge fund Blackstone Group at the time the workers were left hanging. Despite pressure from Indonesian garment workers and the Clean Clothes Campaign, Uniqlo and Jack Wolfskin have refused to pay the severance owed to the workers.

As the largest alternative investment group in the world, Blackstone could pay the severance money with only 0.7% of its annual net income. For CEO Stephen Schwarzman, it would be a piddling amount to pay himself. For the workers who lost their jobs, receiving the funds due to them under Indonesian law will help keep them and their families out of dire poverty.

Two actions we can take to help them:

1. Call on Stephen Schwarzman and Blackstone to pay up!

2. Leave a review on Uniqlo Denmark’s Facebook page in advance of their April 5th Copenhagen store opening. Under, “Do you recommend Uniqlo.denmark?,” select “No” and then leave your own message along the lines of: “I insist that Uniqlo pay the unpaid wages and severance legally-owed to the Jaba Garmindo workers in Indonesia. These workers earned this money over many years of hard work and long hours producing clothes for Uniqlo. To deny them their payment now is tantamount to wage theft. Uniqlo should pay this debt immediately! #PayUpUniqlo”. Update: the post has been removed, people are writing directly on the page. We will soon let you know what else we can do – here Uniqlo Denmark

Failure to pay severance is a critical problem facing workers in the global garment industry and is especially widespread in Indonesia. Workers producing for Nike, Adidas and Mizuno  have also found themselves left without the severance pay that they are guaranteed under law. Although factory owners are required to follow national law regarding severance, factories consistently fail to set aside funds to meet their obligations, and brand auditors rarely verify whether they are doing so.

 

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

three × 4 =